Ali Kazma: Film essays 1&2

Luoghi e umanità esplorati separatamente, che insieme appaiono come pezzi di un ampio mosaico, restituiscono la complessa ricerca di Ali Kazma sul mondo al tempo della globalizzazione.
Fin dal suo esordio, all’inizio degli anni 2000, Ali Kazma presta molta attenzione alle trasformazioni sociali ed economiche della Turchia moderna, facendosi attento testimone delle contraddizioni tra passato e

modernità del paese. In particolare, si è concentrato sui processi di trasformazione della nuova realtà emergente con una serie di video che ne coprono i diversi aspetti. Successivamente ha spostato la sua attenzione

dal processo di cambiamento della realtà turca all’esplorazione di altri contesti in diverse aree del mondo.
Le due serie di video selezionate per la rassegna vanno dall’esplorazione dell’identità dei luoghi, quasi senza tracce umane, alle storie di singoli umani o gruppi di essi. Luoghi e umanità sono esplorati separatamente in

ogni opera, ma vedendoli tutti insieme appaiono come pezzi di un ampio mosaico, restituendoci la complessa ricerca di Ali Kazma sul mondo al tempo della globalizzazione.
Martedì 5 novembre l’artista incontra il pubblico, in conversazione con Maurizio Bortolotti, Chief Curator 6th Land Art biennial of Mongolia 360° e Hou Hanru, Direttore Artistico MAXXI.
Si avvisano i gentili visitatori che alcuni contenuti dell’opera “Taxidermist” di Ali Kazma potrebbero urtare la sensibilità.
Sconsigliata la visione a un pubblico minorenne.
In collaborazione con Saha – Supporting contemporary art from Turkey e Galleria Francesca Minini. Si ringrazia Galeri Nev Istanbul. In testata: still video da North, Ali Kazma, 2017.
a cura di Maurizio Bortolotti
06 Novembre 2019 - 17 Novembre 2019
MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo - Via Guido Reni 4A - 00196 Roma

www.maxxi.art
(2019-11-07)

||||

2019/ Magmart | design & development:studio tad